Cacao Mental

Elettrocumbia psichedelica nella selva di Dergano

 

I Cacao Mental sono Stefano Iascone, Kit Ramos e Marco Pampaluna. La loro cumbia elettronica e psichedelica è un incontro felice di culture diverse, una linea ideale che collega Tingo Maria, città al bordo della foresta amazzonica peruviana che ha dato i natali a Kit Ramos, alla realtà urbana di Milano, metropoli di carne e cemento, dove viviamo. Abbiamo scritto e suonato con Jovanotti e per Myss Keta, per citare alcune delle nostre numerose collaborazioni.

Il legame fra Cacao Mental e Nuovo Armenia è un vincolo profondo e coltivato con amore: le riprese del video di Catalyna (https://www.youtube.com/watch?v=JrLuxku7PzE) sono state registrate durante il concerto dello scorso anno proprio al Nuovo Armenia, il video Reproduccion (https://www.youtube.com/watch?v=cNSuHJgXcVs) è stato realizzato in collaborazione con le persone che curano la programmazione cinematografica di Nuovo Armenia. Il timbro delle tessere delle birre è la faccia del Pampa.

L’oasi di fronde del Nuovo Armenia è il teatro ideale per la musica di Cacao Mental, energia e fiesta collettiva, una dimensione tribale dai colori vivaci che avvicina le persone al ritmo ancestrale della cumbia, la Musica per Terrestri per eccellenza.
Viva Dergano, Viva il Nuovo Armenia, e viva Cacao Mental. E sempre viva la Reproducciòn.

Ognuno di noi ha sempre sentito la Cumbia, senza saperlo. La Cumbia è un ritmo atavico e primitivo, ispirato e derivato ad imitazione della pulsazione cardiaca, che per l’essere umano è il
ritmo percepibile della vita: il tu-tum tu-tum incessante del nostro metronomo per eccellenza: la Cumbia è la musica del cuore, è già dentro di noi, la ascoltiamo da sempre. Sentire la Cumbia vuol dire essere vivi. È la nostra oggettiva prova di presenza nel Mondo. È questo il fascino arcano, subliminale e ctonio di questa cadenza – che è magica perché è UMANA. Nasce dal battito del cuore, e si circonda dei suoni della natura: il frinire degli insetti ed i richiami avulsivi degli animali imitato dalle percussioni, e le melodie rubate agli uccelli. Che sia nelle sue versioni tradizionali ed acustiche, oppure interpretata in chiave moderna ed elettronica, con i rumori delle metropoli ed i suoni artificiali della tecnologia, la Cumbia ha sempre lo stesso fascino connaturato, un richiamo ancestrale a cui è difficile resistere, o rimanere indifferenti. Questo fa, la Cumbia: coinvolge, chiama, risveglia. La Cumbia ci rende liberi, come la verità. Non è didascalica, non è verbale, è fatta CON la mente, non PER la mente.
È lo stesso potere rasserenante che deve avere il battito del cuore della madre gravida per il nascituro – il cui cuore batte freneticamente. Come una bussola per camminare all’indietro, per tornare fuori di noi stessi, abbracciare un albero, sentire la prossimità di altri Terrestri, ballare.

 

Data: sabato, 30 Settembre, 2023
Tipologia: Musica
Categoria: settimana 20
Orario: 21:30
Prezzo: 5 Euro