Ci vuole un fiore
Progetto pedagogico di lungo periodo

Ci vuole un fiore è un progetto pedagogico di lungo periodo che Nuovo Armenia porta avanti prevalentemente nell’area delle vasche con gli orti e i fiori. Si avvale del supporto di esperti, educatori ed educatrici, giardinieri, figure professionali provenienti dall’ambito degli studi naturalistici e scientifici, dell’ecologia, delle pratiche di osservazione della natura, delle piante, dei piccoli insetti, degli uccelli.

 

È rivolto a tutte le fasce d’età, prevede incontri formativi e laboratori che consentono di vivere all’interno di questo spazio pubblico esperienze di conoscenza e scambio. Alla base dei percorsi di Ci vuole un fiore c’è la volontà di rendere fruibili i metodi della pedagogia attiva, di consentire a chi partecipa di imparare facendo, sperimentare per processi ed errori in un ambiente favorevole all’apprendimento, al gioco, alla gentilezza, all’ascolto e all’azione diretta.

 

Cerchiamo di favorire, inoltre, gli incontri tra persone con età, cultura e provenienza diverse convinti che la varietà delle esperienze di vita che compongono i gruppi di lavoro e dei laboratori siano arricchenti e necessari per la comprensione del mondo.

COLTIVARE IL COLORE

È un progetto che Nuovo Armenia svolge in collaborazione con Paola Della Pergola, esperta di piante tintorie e colori naturali per tingere lana e tessuti.

Uno dei progetti più interessanti che abbiamo finora svolto nel nostro giardino è stato questo dedicato all’arte della tintura naturale poiché non si limita solo a mostrare ai bambini come sia possibile tingere con dei fiori o dei vegetali, ma dimostra come sia possibile coltivare delle piante che, oltre ad essere bellissime, possono colorare i tessuti senza inquinare l’ambiente seguendo i ritmi della natura.

SCUOLA ELEMENTARE MARIE CURIE

Grazie alla collaborazione di alcune insegnanti e di una classe della scuola elementare Marie Curie di via Guicciardi a Milano, abbiamo avviato un progetto pilota sulla cura delle piante tintorie. Abbiamo messo a germogliare i semi di tagete, abbiamo portato in aula terra, semi e vasetti naturali in fibra di cocco. I bambini si sono presi cura delle loro piantine insieme alle maestre e poi abbiamo trapiantato le piantine nel giardino di Nuovo Armenia dove sono cresciute rigogliose per tutta l’estate generando fiori ricchi di semi. Le corolle ed il calice sono stati raccolti ed essiccati. La parte tintoria è stata separata dai semi e verrà usata per il laboratorio di tintura condotto da Paola Della Pergola.

I semi ricavati continuano il loro viaggio,  una parte è stata donata alla scuola ed una parte ai bambini che ha partecipato al progetto pilota. Abbiamo raccolto i semi in un piccolo erbario autoprodotto e lo abbiamo donato ai bambini affinché potessero annotare le caratteristiche delle piante che andranno via via conoscendo nel loro percorso di crescita. Il nostro scopo è di offrire un esempio di come la scienza sia qualcosa di veramente vicino a noi e lo studio possa essere un’attività divertente da condurre anche fuori dalle mura della scuola.

Diffondere i semi per coltivare il colore rientra nel nostro obiettivo di disseminare una cultura del saper fare, saper attendere, saper osservare e saper trasmettere agli altri quanto appreso.

GRAZIE A:

Le insegnanti MariaRosaria Scardamaglia, Manuela, Annamaria Fresoli e la dirigente Laura Barbirato che con gioia e spirito di avventura hanno partecipato a questo nostro progetto pilota che riempie il giardino di Nuovo Armenia di colore, voci di bambini e bambine, stupore e bellezza.

Paola Della Pergola che da anni studia le piante tintorie e ne sperimenta le caratteristiche su tessuti pregiati e naturali dimostrando che si possono indossare colori bellissimi senza inquinare la nostra Madre Terra.

 

Ai bambini e le bambine che hanno partecipato, riso, ascoltato, giocato, piantato e annaffiato.