AMBROGIO E L'INTELLIGENZA COLLETTIVA

Di Gina Bruno


Due giorni pieni di sole, risate, mani nella terra, schegge nelle dita, vestiti sporchi, acqua sui piedi. Abbiamo fatto il pienone di energia e vitamina D, ci serviranno entrambe per affrontare le prossime terribili settimane di zona rossa. Saremo chiusi in casa, senza scuola e lontano dagli amici, con la primavera che esplode nell'aria, con le gemme sugli alberi e le margherite ovunque nei prati.


Ma il nostro giardino è qui che vi aspetta, abbiamo messo a dimora una quantità tale di semi che se spunteranno tutti avremo piante da distribuire a tutto il quartiere, per cui speriamo che la natura faccia bene il suo corso perché noi ce l'abbiamo messa tutta. Abbiamo seminato fiori che gli insetti impollinatori ameranno molto: calendula, tagete, fiordaliso, girasole, verbena, lavanda e poi il coloratissimo nasturzio. Abbiamo fatto tutto insieme, sembravamo delle abili formiche, dita velocine facevano buchi nel terreno, occhi curiosi cercavano le differenze tra un seme e l'altro, uno lungo e sottile come un filo di paglia, uno piccolo e rotondo che sembrava una cacchette di capra, uno arrotolato e con le punte che sembrava un vermetto, un altro piccolo piccolissimo che sembrava un pidocchio.


Ci Vuole Un Fiore è un processo per imparare facendo, per capire che ci vuole pazienza, che occorre aspettare che tutti abbiano riempito di terra i vasetti prima di seminare insieme, che i più grandi devono aiutare i più piccoli, che per costruire uno spaventapasseri dobbiamo raccogliere una montagna di foglie secche per riempirne i vestiti.


E per credere fedelmente che Ambrogio, il nostro nuovo amico dalla testa di paglia proteggerà i nostri semi dai piccioni, ci vuole intelligenza collettiva, ci vuole che dobbiamo imparare a fare insieme, ci vuole desiderio, ci vuole un giardino pieno di fiori.



Con il sostegno di Fondazione di Comunità Milano Onlus, Bando 57 Fondazione Peppino Vismara


162 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti