Ceste_Home_02.jpg
CESTE SOSPESE
chi può metta e chi non può prenda

Una Cesta Sospesa dalla finestra, esposta con il cartello “chi può metta, chi non può prenda” in 9 lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, arabo, cinese, filippino, rumeno) per offrire a chi ha bisogno beni di prima necessità garantendo l’anonimato e per sollecitare a donare chi può farlo.

 

Un’azione collettiva, corale, sentita, affettuosa. Piccoli gesti a confronto dell’enormità di quello che ci sta intorno in questi mesi. Piccoli gesti che speriamo possano accompagnarci verso una nuova e magari più bella “normalità”.

Grazie a un gruppo di splendide donne di Dergano e Bovisa, ispirate dal Panaro Solidale esposto a Napoli durante questa emergenza, abbiamo realizzato un’azione piccola, ma molto concreta per dare una mano a chi è in difficoltà e magari non sa a chi rivolgersi. Quest’azione funziona solo se fatta in rete.

 

Siamo partite con 16 ceste che si moltiplicano di giorno in giorno. Perché il contagio può essere anche fatto di cose molto belle!

ADERISCI ANCHE TU

 

Ecco cosa ti serve:

  • Ti serve un affaccio sul strada, se non lo hai chiedi a qualche vicino di casa;

  • un cestino o una cassetta e una corda (anche un nastro o ecco un tutorial);

  • alcuni beni di prima necessità, prodotti alimentari o per l’igiene personale, rigorosamente confezionati;

  • stampa i volantini che trovi qui sotto da mettere sulla cesta e, se serve, nella bacheca del condominio per sollecitare i tuoi vicini a donare, ma anche a prendere;

  • fai una foto della tua Cesta Sospesa e pubblicala sui social con questo hashtag #cestesospese, se non sei sui social mandaci la foto che lo facciamo noi per te;

  • COMPILA IL FORM A QUESTO LINK per entrare nella rete e inserire l’indirizzo della cesta sulla mappa condivisa;

  • per informazioni scrivi pure a info@mamusca.it

 

Se non vuoi/puoi mettere una cesta potresti guardare sulla mappa quali sono le ceste più vicine e metterci dei generi di prima necessità.

RASSEGNA STAMPA

 

Ufficio Stampa a cura di: Ilaria Bartolozzi